Cos’è il Greenscreen?

article-2364772-1AD2B290000005DC-624_964x908

Oggi cerchiamo di capire cos’è il greenscreen, una tecnica molto usata sopratutto nella realizzazione di commercials/spot e film. Questa tecnica consiste nell’utilizzare un fondo (backdrop) verde ed un soggetto di fronte (persona, cosa, ecc.). Il fondo tramite dei programmi di compositing come After Effects, viene “bucato” usando le informazioni dei pixel verdi, a questo punto possiamo sostituire a quel fondo un qualsiasi altro elemento.

Vediamo un esempio trattato dal film “Il grande Gatsby”, di cui il VFX Supervisor è Chris Godfrey:

Impressionante….In questo video ci sono varie tecniche, set extension, bluescreen, Color correction, 3D tracking, ecc… Per il momento focalizziamoci solo nelle scene con il fondo verde, di preciso al secondo 29, la scena con la città di fondo. Che ne dite? potenzialmente illimitate le possibilità che offre questa tecnica! Il trucco sta nel studiare prima a tavolino cosa sarà sostituito nello sfondo, creare gli sfondi con programmi di 3D e Compositing, e rimpiazzarli. L’aspetto fondamentale è illuminare lo sfondo omogeneamente, tra uno stop sotto o sopra (sarebbe meglio sotto) rispetto al soggetto. Il verde si usa principalmente perché è un colore che non è presente nell’incarnato umano e comunque poco presente nell’abbigliamento usuale, dunque si presta perfettamente per essere selezionato e reso trasparente. Alcune volte si usa il blu, questo ovviamente quando abbiamo presenza di verde, per esempio l’erba, poi il blu è più affamato di luce e dunque rappresenta una sfida maggiore per le produzioni a livello di costi per le luci e rende la vita più difficile per il direttore della fotografia. Un’altro aspetto fondamentale è avere una macchina da presa digitale in grado di campionare un segnale in 444, cioè che sia in grado di registrare tutto lo spettro della luminosità e della crominanza, ovviamente la nostra Arri Alexa non ha nessun problema a riguardo.
Questa è una tecnica che si usa spesso nei commercial, trovare la giusta location può essere molto più dispendioso che la lavorazione in studio con greenscreen.
Spero di essere stato abbastanza chiaro, per qualsiasi info se foste interessati ad utilizzare questa tecnica o pensate potrebbe essere utile per un vostro progetto non esitate a contattarci.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest4Share on Google+2Share on TumblrShare on LinkedIn8

Drop a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *